Informativa
Gentile Utente, questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy
Cristoforo Colombo e un monumento mai realizzato
La Torre Eiffel è un effetto dello sviluppo di architettura, tecniche e materiali costruttivi, e causa di ulteriori novità. È il caso dell’architetto spagnolo Alberto de Palacio y Elissague (1856-1939). Laureatosi a Barcellona, a Parigi è tra gli allievi di G. Eiffel, che lo influenza non solo nei progetti realizzati, come il Puente Colgante di Vizcaya nei pressi di Bilbao (1890-1893), ma anche in quelli non realizzati. Nel 1892, quarto centenario del viaggio di C. Colombo (per gli spagnoli un connazionale), Palacio immagina un globo di ferro di 300 metri di diametro circondato da una piattaforma lunga 1 km e larga 14 metri a rappresentare l’Equatore. Sopra, la caravella Santa Maria; all’interno, una ferrovia di 6 km. Tra il globo e la base una statua di Colombo, biblioteche, musei, sale, pubblici divertimenti. Il progetto, qui in un’immagine coeva, non avrà finanziatori. Ne avrà invece l’ingegnere statunitense George W. G. Ferris (1859-1896), che per l’Esposizione Universale del 1893 realizza a Chicago la Ferris Wheel, risposta americana alla Torre Eiffel, una ruota panoramica mobile con cabine per il pubblico, la maggiore attrazione dell’Esposizione e prototipo delle ruote panoramiche dei parchi divertimenti di tutto il mondo.