Informativa
Gentile Utente, questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy
Tour Eiffel: un calligramma
Progettata per l’Esposizione Universale del 1889, realizzata a Parigi in occasione del 1° centenario della Rivoluzione Francese, la Tour Eiffel venne inaugurata il 31 marzo 1889 e aperta ufficialmente il 6 maggio successivo. Notevole l’effetto che il manufatto monumentale dell’ingegner Eiffel produsse sull’opinione pubblica parigina, francese e internazionale. Significativi anche gli echi sul piano simbolico, artistico ed espressivo e, tra i più interessanti, alcuni calligrammi. Molto noto è quello che Guillaume Apollinaire, annunciato nel 1917 e apparso nel 1918, in piena guerra mondiale, rivolge ai tedeschi: Salut, monde dont je suis la langue éloquente, que ta bouche, ô Paris, tire et tirera toujours aux Allemands. Tuttavia, tra i primi calligrammi in forma di Torre Eiffel, certo tra i più curati sul piano grafico e purtroppo anonimo, c’è quello apparso nel novembre 1889 sul periodico tedesco «Schorers Familienblatt», edito a Berlino. Si tratta di un’inserzione realizzata dal settimanale berlinese «Das Echo» di politica, letteratura, arte e scienza, che in forma di calligramma annuncia una propria strenna natalizia, che uscirà con la carta e il formato dello «Schorers» la prima settimana di dicembre.