Informativa
Gentile Utente, questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy
L'archivio fotografico della Croce Rossa di Bergamo

Nel 2001, nell’ambito di un progetto complessivo di catalogazione dell’Archivio storico del Comitato provinciale di Bergamo della Croce Rossa italiana, sono state catalogate una selezione di 1200 fotografie dell’Archivio storico, costituito, oltre che da fotografie, anche da documenti, testi a stampa, oggetti, medaglie. Le fotografie sono perciò parte di un tutto che va considerato, anche in sede di analisi catalografica, come archivio unitario. Nell'archivio troviamo documentate le attività locali di Croce Rossa, ma anche nel resto d'Italia e all’estero. A titolo di esempio citiamo le fotografie del chimico farmacista Tommaso Pignatari di Cerignola, componente della missione a Lüleburgaz durante il conflitto bulgaro-turco nel contesto della prima guerra balcanica (ottobre 1912 - maggio 1913); il materiale fotografico e documentario raccolto da Mario Bracco e la moglie Dirce Maria Benedetto, italiani residenti in Svizzera, che, dalla Delegazione di Zurigo della Croce Rossa Italiana, organizzarono tra il 1915 e il 1919, soccorsi e assistenza a favore dei reduci e dei profughi; e, ancora, le fotografie raccolte durante la prima guerra mondiale dal tenente medico Giovanni Battista Marconi, assegnato all'Ospedale da Guerra n. 7 del Comitato di Bergamo della CRI.

Barbara Cattaneo, In guerra e in pace. La documentazione fotografica dell'Archivio storico della Croce Rossa italiana di Bergamo, in «Quaderni di Archivio Bergamasco», n. 1, 2007, pp. 77-101.